Vai al footer

Descrizione

La chiesa di San Tommaso è situata alle porte dell'abitato di Cles nella frazioen di Dres al limitare della zona settentrionale della Borgata, separato da essa da una piccola valle scavata dal torrente denominato rio Dres.
Il piccolo tempio ha un'abside poligonale tardogotica, un'unica navata rettangolare e una semplice facciata a capanna munita di campanile e caratterizzata centralmente da un portale con arco a pieno sesto superiore, in pietra bianca e rossa locali, attorniato da due semplici finestre quadrangolari.

01 San Tommaso Dres DSCF8341 1
04 San Tommaso Dres DSCF8354 8
05 San Tommaso Dres DSCF8348 5
06 San Tommaso Dres DSCF8381 30
08 San Tommaso Dres DSCF8416 54
09 San Tommaso Dres DSCF8415 53
14 San Tommaso Dres DSCF8386 33
20 San Tommaso Dres DSCF8372 21
31 San Tommaso Dres DSCF8405 48
33 San Tommaso Dres DSCF8422 59
40 San Tommaso Dres DSCF8435 69
51 San Tommaso Dres DSCF8388 35
54 San Tommaso Dres DSCF8445 76
57 San Tommaso Dres DSCF8355 9
60 San Tommaso Dres DSCF8455 85
66 San Tommaso Dres DSCF8449 80
81 San Tommaso Dres DSCF8499 115
84 San Tommaso Dres DSCF8356 10

Sia l'odierna abside secentesca sia l'antica romanica, scoperta durante gli scavi archeologici effettuati nella primavera 2004, sono leggermente piegate verso destra rispetto all asse della fabbrica; questa conformazione della pianta, detta inclinato capite, vuole ricordare il Cristo sulla croce e attesta una particolare attenzione da parte dei costruttori alla struttura di questa cappella.

Tra 2003 e 2005 vi sono stati degli importanti lavori di restauro dell edificio (diretti dall arch. Ruggero Mucchi e dall ing. Antonio Wegher) che hanno permesso di venire a conoscenza delle varie fasi di ampliamento e di scoprire una vasta sequenza di affreschi lungo le pareti interne della navata che diversi strati di intonaco avevano per secoli nascosto. Lo scavo archeologico interno all edificio non ha rilevato l'esistenza di sepolture ma ha permesso di comprendere come la chiesa primitiva fosse più bassa dell'attuale e avesse una navata unica, allungata fino alla dimensione attuale nel 1616. Questa data è incisa nell intonaco sopra il portale ed è riemersa proprio grazie ai restauri: si legge 1616 MENSE JULII. A cavallo tra Sei e Settecento, probabilmente durante i restauri delle cappelle clesiane promossi dall'arciprete Giacomo Madruzzo si è difatti nuovamente messo mano alla chiesa sostituendo l'abside, sopraelevando il soffitto piano e costruendo l'odierno campanile. Documenti conservati nell Archivio del Servizio Beni Culturali della Provincia Autonoma di Trento, datati 1922, ci mettono a conoscenza del crollo in quegli anni di parte del solaio e della conseguente sua ricostruzione, assieme alla copertura del tetto, da parte dell architetto Giuseppe Gerola.

Leggi di più

Virtual tour

Entra e scopri l'interno delle chiese

Informazioni per la visita

La chiesa viene aperta durante le occasionali funzioni liturgiche. Se ti trovi all'esterno della chiesa e vorresti visitarla ma non ti è possibile perchè è chiusa entra con il virtual tour

Orari di apertura

Fino al 31 ottobre la chiesa rimarrà aperta il mercoledì e il venerdì dalle 14.00 alle 18.00 e la domenica dalle 12.30 alle 16.00.

Contatti

Nelle vicinanze

Come arrivare

Domande frequenti

La chiesa è quasi sempre chiusa al pubblico in quanto "chiesa minore". 

Se per motivi di studio, ricerca o altro desideri visitare l'interno della chiesa, contatta l'Ufficio Cultura del Comune di Cles al numero 0463.662091 oppure il Punto Informazioni della Pro Loco al numero 0463.421376. Verrai messo in contatto con il volontario che conserva le chiavi e che ti permetterà di entrare previo appuntamento.

Splendidi matrimoni sono stati celebrati in questa chiesa. Se anche tu vuoi sposarti qui chiama il parroco allo 0463.421155.